Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

martedì 16 gennaio 2018

La settima candelina...


Nonostante tutto sono ancora qua. Sono passati 7 lunghi anni dal lontano 16 Gennaio 2011 quando nasceva questo sgangherato blog, così quasi per scherzo. Dopo quel fatidico giorno il cammino di questo assurdo contenitore di musica, arte, immagini e parole è stato lungo (molto più lungo del previsto) e irto di ostacoli (prevedibili ma anche no). In questi anni travagliati l'ossatura principale del blog ha subito fratture in più punti, tanto che l'esoscheletro che lo sorregge ha rischiato più volte di cedere definitivamente. Nel tempo si è ridotto lo spazio dedicato all'arte visionaria per lasciare posto alle recensioni, che a loro volta hanno lasciato posto ai racconti, i quali hanno ceduto il passo alla fotografia e al basket. Sono cambiate le priorità, sono mutati gli interessi e anche il risultato finale. Ma quello che resta una "sicurezza" in queste pagine è l'approccio poco serio e molto cazzone che governa il ciclo di rotazione degli articoli e la stesura degli stessi. In quest'ultimo anno si sono ridotti gli ascolti, quasi ci fosse un anticipo di ipoacusia; è aumentato lo spazio riservato alla fotografia (e alla Sardegna in particolare); i racconti che prima dilagavano in lungo e in largo tra queste pagine si sono persi nella tastiera (nel 2017 ho pubblicato un solo unico raccontino); i post dedicati all'arte sono quasi completamente scomparsi, ma sono cresciuti in modo esponenziale quelli sulla Dinamo Sassari (ben 12 sui 112 post pubblicati, praticamente uno ogni mese). Le uniche pietre miliari del blog rimaste in situ dalle origini della specie a oggi sono i report sui viaggi e le recensioni (per quanto si siano ridotte a causa del silenzio dello stereo e della - presunta - ipoacusia succitata).
Praticamente ogni pagina del calendario di questo 2017 appena chiuso ha rischiato di essere l'ultima per questo blog. Ho pensato di chiudere bottega almeno una decina di volte e in qualche occasione ci sono andato molto vicino. La tentazione era forte e nel contempo gli stimoli per continuare erano sempre più deboli ed evanescenti. Alla fine ha vinto l'istinto di sopravvivenza ma non è detto che questo sia stato un bene, sicuramente non per i lettori. Infatti, devo ammettere con tutta onestà, nel 2017 non c'è stata solo una riduzione della quantità di post (solo 112) ma anche della qualità e non di poco. La mia vena creativa (ammesso che l'abbia mai avuta) si è inaridita definitivamente, l'inchiostro è finito e la voglia di aprirsi un varco, e farsi notare in qualche modo, anche. 

Comunque questi qui sotto sono i numeri del 2017, il momento topico (ma assolutamente inutile) di ogni articolo celebrativo come vuole la tradizione di questi lunghi anni:

VISUALIZZAZIONI TOTALI (dati rilevati alle ore 10 del 16.01.2018):

1.772.960

Così suddivise:

Primo Anno (2011):     141.175
Secondo Anno (2012): 411.393
Terzo Anno (2013):      227.782
Quarto Anno (2014):    220.348
Quinto Anno (2015):    207.585
Sesto Anno (2016):      278.441
Settimo Anno (2017):   282.256

In pratica nel 2017 si è ripetuto il risultato dell'anno precedente,  con un piccolo incremento (3.815 visite in più) che porta l'annata appena chiusa al secondo posto dietro all'irraggiungibile 2012. 


Post pubblicati: 1472 (112 nel 2017)

Le prime 5 nazioni per numero di visualizzazioni:

1.Italia:        852.337
2.USA:        362.005
3.Russia:      126.527
4.Francia:     111.517
5.Germania:   48.903

a seguire tutte le altre nazioni, giù fino allo Zambia.

I 5 post più visti del 2017:



2.La Mosca - 3.344
3.I migliori dischi del 2016, la Top Ten - 3.163
4.Dischi caldi del 2016 - 2.804
5.Top Ten Reader's Poll - 2.774

A seguire alcuni vecchi post che continuano a essere visitati misteriosamente da molti umani:

- L'ultimo Post (pubblicato nel 2014) - 2.756 visite nel 2017 (19.670 in totale)
- L'urlo (pubblicato nel 2013) - 2.748 visite nel 2017 (8.601 in totale)
- Zuppa di Mitocondri (pubblicato nel 2015) - 2.036 visite nel 2017 (7.742 in totale)

La classifica dei più visti (letti o sbirciati) del 2017 comprende due post su due miei "libri", "Spore 21 storie tossiche" e "Zuppa di Mitocondri", ben 3 post relativi ai migliori dischi del 2016 (I migliori dischi del 2016, Dischi caldi e Top Ten reader's poll); l'unico raccontino che ho pubblicato nel 2017 (La Mosca) che si piazza sorprendentemente al secondo posto. Poi vanno sempre lo strano "contenitore" di musica, immagini e vicende strane che è "L'ultimo post" e il "manifesto" animalista "L'urlo". 



In linea di massima nel 2017 l'andamento delle visualizzazioni è stato più o meno quello dell'anno precedente: ovvero quasi tutti i post hanno raggiunto se non superato quota mille. Gli anni precedenti invece la borsa della visibilità del blog aveva un andamento differente: alcuni post schizzavano a 10-20.000 visualizzazioni, alcuni raggiungevano senza difficoltà quota 1000 o 2000 mentre la grande massa restava indietro sui 2-300 di media. Questo spiega la staticità della colonna "Post più popolari" dove negli ultimi anni si sono inseriti solo "L'ultimo post", "L'urlo, e quest'anno "Zuppa di Mitocondri". E sarà così a lungo perché non penso sia possibile per i nuovi post raggiungere le quote da scalatori dei primi (Dalì a là, Banksy e Lana Del Rey si trovano oltre i 20.000).


Per quanto riguarda la nazionalità del pubblico del blog oltre ovviamente all'Italia e agli Stati Uniti in questi ultimi anni c'è stato un forte incremento di visitatori dell'est Europa, Russia e Ucraina in testa. All'inizio del 2017 c'è stato un forte aumento delle connessioni da paesi "atipici" quali ad esempio gli Emirati Arabi Uniti con oltre 8000 visite. Nell'ultima parte dell'anno invece c'è stato un boom di ascolti dalla Francia.


Il  2017 è stato anche l'anno del record di visualizzazioni giornaliere: ben 10.896 il 10 Marzo 2017. Un record che straccia il precedente (4.679 un giorno di fine agosto del 2015) ma che non significa un cazzo, o poco più.


È stato anche l'anno dei misteri su Amazon: due degli ultimi miei "libri", Spore e Zuppa di Mitocondri, si trovano sul noto sito (oltre che in versione normale a prezzi normali) come usato a un prezzo a dir poco folle:






***


Il disco dell'anno nel 2011: Kirlian Camera - "Nightglory"




Il disco dell'anno nel 2012: Confield - "Confield"




Il disco dell'anno nel 2013: Bad Religion - "True North"




Il disco dell'anno nel 2014: Cult of Youth - "Final Days"




Il disco dell'anno nel 2015: Sextile - "A Thousand Hands"




Il disco dell'anno nel 2016: Bestial Mouths - "Heartless"


***



La mia fedelissima Fujifilm XT-1

***


Il disco dell'anno nel 2017: Idles - "Brutalism"


***






Dolores O'Riordan - R.I.P.


+++


Grazie a tutti.





giovedì 11 gennaio 2018

Vota il disco del 2017 - Readers Poll




Da alcuni giorni è possibile votare il miglior album del 2017. Come l'anno scorso anche questa volta ho inserito il widget sondaggio in alto a destra nel blog. Sarà possibile esprimere il proprio voto selezionando uno o più dischi tra i dieci in elenco. Capisco che molti di voi potrebbero non trovare tra questi il proprio disco preferito, ma queste sono le scelte per la mia Top Ten e di certo non potevo inserirne di più, se non altro per problemi logistici. Lo spazio è quello che è, il tempo pure.
Comunque, se proprio volete, potete inserire la vostra personale classifica nei commenti; sarà presa in dovuta considerazione e magari anche ripubblicata in un post dedicato.

Qui sotto ho riunito i vari player per poter ascoltare i dieci finalisti, a partire dal mio disco dell'anno (Brutalism degli Idles) sino al decimo piazzato, The Moral Crossing degli Autobahn. 
Solo per il disco della Mark Lanegan Band, Gargoyle, non è disponibile nessun player in nessuna piattaforma, allora ho optato per un paio di video, giusto per rendere l'idea.

C'è tempo per ascoltare e votare sino al 31 gennaio. Anche questa è una novità rispetto all'anno scorso: ho deciso infatti di allungare i tempi per permettere a chi non conosce questi album di avere più giorni per l'ascolto e l'eventuale assimilazione...I buoni dischi crescono solo con il tempo.




I Dieci finalisti:


01.Idles – Brutalism


02.Pawns - The Gallows


03.Desert Roach - Cholla


04.Metz - Strange Peace


05.Institute – Subordination


06.Sextile – Albeit Living


07.Sievehead - Worthless Soul


08.Mark Lanegan Band - Gargoyle


09.Gold Class – Drum


10.Autobahn – The Moral Crossing

***




mercoledì 10 gennaio 2018

MMXVII


Il 2017 si è appena chiuso e come ogni anno è il momento di lasciare scorrere i ricordi sotto forma di immagini. Alla fine dei conti non è stato un anno completamente da buttare; ha avuto i suoi momenti positivi, sicuramente più dei suoi predecessori più prossimi. Probabilmente poteva andare meglio ma bisogna pur accontentarsi, e poi, se anche così non fosse, ovvero se non ci si è accontentati o non si ha raccolto alcuna soddisfazione, non si può fare più nulla: ormai è andato. Ciao.

In questa pagina ho riunito una serie di fotografie riguardanti le mie gite fuori porta del 2017 (Ecuador, Galapagos, Madrid, Amsterdam), un po' di Sardegna, qualche animale, alcuni esperimenti macro e un po' di cazzate, come sempre.

Buon 2018.








































































































































Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...